I'm a geek girl

Bambini: 5 app di qualità per imparare con la tecnologia

I bambini di oggi sono più che nativi digitali: spesso immortalati da un selfie un minuto dopo il parto, nascono letteralmente con la tecnologia. Il rapporto tra infanzia e device digitali, però, è oggetto di dibattito e discussione tra i professionisti del settore, nonché spesso argomento di confronto fra i genitori.

Posto che ovviamente ogni famiglia decide la propria policy, non si può far a meno di ricordare che i pediatri di tutto il mondo sono piuttosto unanimi nel sottolineare i rischi che un’eccessiva esposizione agli schermi può comportare: l’American Academy of Pediatrics, in particolare, ha ricordato spesso negli ultimi anni quanto sia importante limitare l’accesso dei nostri figli ai dispositivi tecnologici.

Ne va della qualità del sonno, della capacità di attenzione e dello sviluppo linguistico e cognitivo, soprattutto nella fascia 0-3: in questa fase i piccoli non andrebbero esposti agli schermi, anche se dopo i 18 mesi è ammessa qualche deroga purché si tratti di un tempo limitato, impegnato in attività di qualità e sempre sotto la supervisione dell’adulto.

Fra i 3 e i 6 anni, invece, si possono cominciare a proporre delle attività ludiche e di apprendimento, con app e strumenti dedicati. Il pediatra Daniele Novara, ad ogni modo, consiglia di limitare l’esposizione a un massimo di mezz’ora al giorno, sempre con la presenza di un genitore che imposti e faccia rispettare le regole.

Noi abbiamo selezionato 5 app di qualità per bambini in età prescolare, da usare insieme divertendosi!

  1. Shape Gurus di Colto

Per imparare le forme attraverso il gioco

Shape Gurus è un gioco studiato per bambini dai 2 ai 5 anni e insegna ad abbinare, ordinare e classificare le forme e i colori. Creato da un team multiculturale composto da genitori, insegnanti, sviluppatori e designer, è pensato apposta per non creare dipendenza nei bambini con un tempo medio di gioco di 15 minuti.

I bambini sono chiamati risolvere tanti piccoli enigmi con le forme e i colori, all’interno di una cornice narrativa interattiva. Il gioco è disponibile in 12 lingue tra cui l’italiano.

  1. My Very Hungry Caterpillar di StoryToys

Un classico della letteratura per l’infanzia in forma interattiva

The Very Hungry Caterpillar (Il Piccolo Bruco Maisazio) di Eric Carle è un famosissimo libro per bambini, amato in tutto il mondo da quasi 50 anni. Narra le avventure di un piccolo bruco affamato che, naturalmente, alla fine della storia si trasforma in una bellissima farfalla. Ne esistono molte versioni, da quella tascabile al pop-up, e da qualche anno anche questa app, vincitrice tra l’altro del BolognaRagazzi Digital Award 2015.

Il bruco goloso diventa 3D e striscia sullo schermo: il bambino lo aiuterà a esplorare il mondo e a scoprire nuovi giochi, attività e frutti. Lo scopo è insegnare a prendersi cura di un essere vivente e promuovere l’amore per la natura, in un gioco non competitivo. La grafica riprende le belle illustrazioni di Eric Carle e la colonna sonora è molto piacevole.

  1. Introduzione alla Matematica di Montessorium

Un’app dedicata alla matematica con il metodo Montessori

Il metodo Montessori sta vivendo un periodo di grande riscoperta, grazie anche alla cosiddetta Montessori Mafia – un brutto termine coniato dal Wall Street Journal per indicare il fatto che alcuni tra i più grandi imprenditori della Silicon Valley hanno studiato proprio con il metodo della pedagogista e medico italiana.

Il rapporto tra metodo Montessori e tecnologia, in realtà, è piuttosto controverso. Da una parte i puristi sostengono che le app non sono compatibili con il metodo, che usa l’esperienza diretta e la manipolazione come strumento di apprendimento. Dall’altra, si fa strada sempre di più il pensiero che, se Maria Montessori fosse vissuta oggi, non avrebbe certo disprezzato gli strumenti tecnologici da affiancare a quelli esperienziali; anzi, ne sarebbe stata naturalmente incuriosita. Personalmente sono di questo secondo parere, e per questo consiglio questo primo approccio interattivo e divertente al mondo dei numeri e dei calcoli.

  1. Timbuktu di Timbuktu Labs

La prima rivista per bambini su iPad

Le ragazze di Timbuktu Labs, prima di diventare celeberrime grazie a Storie della Buonanotte per Bambine Ribelli (di cui tra l’altro è appena uscito il secondo volume), sono state pioniere nell’editoria per l’infanzia grazie a questo innovativo progetto: Timbuktu è stata la prima rivista su iPad per bambini. Con 12 numeri all’anno, l’obiettivo è far crescere la curiosità e la passione per la scoperta e la conoscenza.

Tutte le storie, i giochi e le attività presenti su Timbuktu sono progettati secondo i principi del metodo Reggio Emilia e aiutano il bambino a imparare attraverso un approccio educativo rispettoso, creativo e fresco. L’abbonamento ai 12 numeri ha un costo di €18,99.

  1. Moving Cards: Le Train Postal di Julie Chheng

Carta e digitale insieme per giocare con la fantasia

Questo progetto è stato presentato l’anno scorso alla Bologna Children’s Book Fair ed è il lavoro della giovane designer e autrice Julie Stephen Chheng, che coordina un gruppo di illustratori, animatori, sviluppatori e grafici per creare progetti dedicati alle differenti combinazioni tra la carta e il digitale. Les aventures du petit train postal è composto da una app e 25 ritagli di cartone sagomati in 5 colori da scegliere per comporre un paesaggio ogni volta diverso che, se inquadrato con il telefono tramite l’app, si anima e fa vivere il paesaggio di suoni e animazioni. La creatività in tutte le sue forme!

Leave a Reply

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

chiudi