I'm a geek girl

Prenditi cura di te stessa

Abbi cura di splendere.

Ieri, sul treno ho letto il post di Mariachiara sul tema “Mindfullness, abbonamenti, preventivi, tatuaggi“, mi piace molto il suo stile e come riesce a raccontare la quotidianità, il cambiamento e la sua vita.

Partendo dalle sue parole, mi sono ritrovata a riflettere, di quanto sia cambiata la mia visione del mondo e del lavoro da Agosto ad oggi.

Voi direte “Beh sono passati due mesi…” eppure a volte basta poco tempo per riuscire a cambiare noi stessi, o solamente trovare un equilibrio più stabile.

IL MATRIMONIO

Ho “raggiunto” il primo anno di matrimonio come un momento ricco e pieno di novità, è stato un periodo complesso, non date retta a quelli che dicono “sono rose e fiori”, soprattutto all’inizio è tutto così “nuovo” che è normale sentirsi diversi e bisogna prendere le misure con questo nuovo ruolo “moglie“.

Marry someone who you can
spend the day in Ikea
with without feeling stressed.

Penso che l’essere “sposata” mi aiuti a vivere meglio, (non che prima fossi infelice), ma ora mi sento più completa e appagata, come una marcia in più per affrontare le difficoltà di ogni giorno.

Mi piace l’idea di chiamare Jacopo, marito, di potermi far consolare quando le giornate si fanno pesanti, tornare a casa e trovarlo tutto per me è qualcosa che mi fa stare bene.

“Ogni volta che ti abbraccio
torno a casa
con le costole gremite
di appunti.”

Quest’estate abbiamo trascorso una vacanza al mare quasi surreale, è stata una settimana di offline, il mio telefono aveva deciso di non collaborare e così utilizzavo solo il wifi della spiaggia, in quei giorni non ho sentito la necessità di fare “aggiornamenti” sui social, di dover controllare la mail ogni 5 minuti, di sentirmi necessariamente “online”.

In questo post, raccontavo cosa avessi imparato in quei giorni di “felice isolamento“:

[Cose che ho imparato quest’estate] A vivere con più serenità, a credere un pochino in più in me stessa, a non farmi abbattere dalle critiche dai “bla bla bla” dalle cattiverie gratuite di chi pensi essere tua amica. A godermi i tramonti con mio marito, a ritrovarci a giocare a Carcassonne, a svegliarci la mattina alle 7 per andare a giocare a tennis anche al mare, a poggiare il mio orecchio sul suo petto e sentire il suo respiro, ad accarezzarlo e tenerlo per mano come se fosse la prima volta. Ad accorgermi di quanto mi sia mancato negli ultimi mesi, a riprenderci la quotidianità solo per noi. Ho imparato a isolarmi, a pensare a me stessa, a non farmi prendere dall’ansia di punto in bianco, a pensare che non per forza deve sempre andar male, a sorridere di più, a lasciare il telefono in borsa e guardare un paesaggio senza dover condividere quel momento. Ho imparato a lavorare con me stessa, a gestire anche i momenti difficili e le giornate in cui ti manca il respiro, ho imparato quanto mi fosse mancato leggere un libro. Ho imparato quanto sia importante un “mi manchi” da una persona che per me ormai è più che un punto di riferimento, ho imparato che aggiungere due sassolini con le nostre sembianze sia FAMIGLIA, che le amiche vere ci sono sempre al tuo fianco. Ho imparato quanto sia bello godersi ogni momento. Ho iniziato a fare quello che volevo, quando volevo. Ho imparato che i momenti perfetti sono quelli che nascono per caso.

Un post condiviso da Frenci Bello | I’m a geek girl (@frencibello) in data: IL LAVORO

Tornata dalle ferie, mi sono imposta di cambiare il mio modo di affrontare il lavoro, prima dell’estate la fatica è stata tanta, a dire il vero ho lavorato per quasi tutto luglio e agosto, senza riuscire “quasi” a ricaricare le energie.

It’s time for the next level.
Work hard, rise above,
and most of all;
believe in yourself.

Il “sentirmi stanca” in passato mi ha portato a sentirmi “insoddisfatta e non all’altezza“, come dire mi sono sempre fatta abbattere dai commenti negativi, con quella sensazione di incapacità che spesso mi soffocava. Ora il sentirmi stanca, mi fa stare bene, mi sento appagata, soddisfatta, completa 🙂

Per fortuna ho un capo meraviglioso, che è riuscita a tenermi testa, anche quando io stessa pensavo di gettare la spugna.

E invece con grande impegno e tanta costanza, sto imparando a delegare, a fidarmi delle persone che mi circondano, a lavorare in team. A dimostrare le mie capacità.

Ho trovato ispirazione leggendo 2 libri in particolare, il primo è LAGOM. La ricetta svedese per vivere con meno ed essere felici Hygge. La via danese alla felicità. In entrambi i libri ho trovato spunti molto interessanti, ad esempio per combattere lo stress, per vivere più sereni e soprattutto dare il giusto valore alle priorità nella vita quanto nel lavoro.

  

VARIE ED EVENTUALI

Ho ripreso con la “respirazione circolare” come mi hai insegnato la mia maestra di Chi Kung, con cui l’anno scorso ho praticato rebirthing. 

Questo processo energetico consente di liberare le memorie cellulari e di produrre dei cambiamenti effettivi in quegli stati come l’ansia, il panico, gli schemiripetitivi, la depressione, altrimenti difficilmente modificabili.

Saper respirare bene è funzionale, se non vitale.

Nel mio caso, mi permette di prendermi cura di me stessa. Così facendo riesco a gestire il mio tempo in modo diversa, a ritagliarmi spazi per le mie passioni, per leggere un buon libro con tutta calma, per salire al volate della mia Smart.

E soprattutto per riuscire a pensare alle cose belle 🙂

Leave a Reply

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

chiudi